Estinzione nucleare

Tag

,

Oggi il Giappone festeggia un grande giorno: si spegne l’ultimo impianto nucleare rimasto attivo dopo l’incidente di Fukushima! Il 5 maggio, che capita durante la Golden Week, la settimana d’oro delle vacanze, è inoltre il 子供の日 kodomo no hi  (la festa dei bambini). Un bel messaggio, rinunciare all’energia nucleare in favore delle generazioni future.

Il Giappone ha sempre avuto un rapporto a doppio taglio con l’atomo. Da un lato, indispensabile generatore di watt domestico per un paese ultra energivoro, dall’altro il confronto con i margini di non sicurezza di una tecnologia che non è possibile controllare fino in fondo, accentuati dalla posizione degli stabilimenti su un territorio geologicamente instabile, se non costruiti direttamente su faglie attive (!), come quello di Tsuruba.

La desolazione, lo sradicamento e le vittime continuativamente provocate dal secondo più grande disastro nucleare al mondo hanno scosso la coscienza della popolazione, risvegliando forti preoccupazioni per la salute della comunità. Alle numerose iniziative di proteste di piazza (la foto è dello scorso 11/03 – grazie S.) si sono aggiunte le volontà dei sindaci locali. Il sistema giapponese, infatti, prevede che ogni tredici mesi venga effettuata un’accurata procedura di controllo sugli impianti, al termine della quale si decide se tenerli attivi oppure spegnerli. La decisione è presa in concomitanza tra il governo centrale e l’amministrazione locale, la quale però in questo caso ha l’ultima parola. Si è sentito parlare anche qui del caso del giovane sindaco di Osaka Toru Hashimoto, che si è opposto alla rimessa in funzione dell’impianto di Oi nella prefettura di Fukui nonostante la pressante richiesta del governo centrale di sopperire al deficit energetico.

E’ l’uscita definitiva di un paese dall’incubo dell’atomo? Speriamo! 

Grazie di essere passati  ^_° /

Festa di Primavera

Tag

, , , ,

春分の日 Shunbun no hi è il Primo giorno di Primavera… Niente scuola nè lavoro, oggi è festa!

– “Allora è vero che la cultura orientale è legata ai cicli delle stagioni e che la natura si sente nella vita di tutti i giorni?” – Sì, è vero!

Anche da noi domani è l’equinozio di primavera… Ma chi se ne accorge se non lo dice la radio? Per attirare l’attenzione su quest’importantissimo passaggio stagionale ho deciso di regalare alla mia audience due video che parlano della venuta della primavera. Il primo è un video breaking-ground per gli amanti del dance-floor e delle sale giochi giapponesi (leggi amanti di frastuono, pupazzine e gettoni). Il secondo è un video breaking-qualcosaltro (per la fetta di pubblico “giovane” che mi segue ;-))

Grazie della visita!

Mandate un video ai vostri amici per augurare una buona primavera a tutti!

 

Ricordare, in silenzio

Tag

,

11 marzo 2011, un anno fa il finimondo: distruzione disperazione paura. Oggi bisogna ricordare un paese che è resuscitato nonostante le dolorose perdite; una comunità che non ha rinunciato alle sue radici; una società che crede fermamente nel 再生 saisei, l’esserci ancora, il fare di nuovo, per arrivare sempre più in alto. Ci crede fermamente e lo dimostra ogni giorno, incomparabile costanza sospesa tra mistica e morale.

I media di tutto il mondo dimostrano di non aver dimenticato l’accaduto, ecco la mia selezione.

Galleria fotografica da Il Post, scatti dell’agenzia nipponica Kyodo. Accostamenti di immagini che uniscono gli stessi luoghi, un anno prima e un anno dopo.

The Sketch of Mujo è un film documentario firmato dal regista Koichi Omiya, che ha vinto il primo premio Cultural Documentary Award con un altro film (Tadaima – I’m home) nel 2010. Dopo lo tsunami, cosa rimane? Girato un mese dopo il l’accaduto, il film indaga per primo gli effetti devastanti sul territorio e sulle persone per capire cosa significa “ricostruzione”. Questo è il sito ufficiale.

* Se siete a Milano, domenica 11/03 l’associazione culturale Giappone in Italia ha organizzato una proiezione commemorativa. Sito dell’evento.

Grande concerto organizzato dall’UNESCO a Parigi con Yutaka Sado. L’evento, preceduto da una mostra fotografica, inizierà domenica 11/03 alle ore 15.00. Tutto il ricavato sarà devoluto in beneficenza per le vittime del Grande Terremoto. Sul sito ufficiale è possibile assistere allo streaming in tempo reale.