Tag

, ,

Sono atterrata in Japan!! Il viaggio e` stato lungo ma tranquillo.  Assenza di turbolenze (il che con un vulcano in eruzione attiva e un ciclone appena passato dall’Australia non e` niente male!) e assenza di passeggeri! Aereo quasi vuoto, praticamente ho fatto un viaggio in cuccetta pagando classe economy! (~^o^~ ) Quando sono arrivata a Maplensa con il treno mi sembrava di essere gia` in Giappone, perche` il Malpensa Express aveva spaccato il secondo per la puntualita`. E anche l`Alitalia!! Ma quando sono arrivata all’aeroporto di Tokyo e sono salita sul Narita Express Ahahahahah! Mi e` venuto da ridere ripensando alla sua brutta copia italiana!! Che forse per questa volta sara` stata anche puntuale, ma in fatto di pulizia e ampiezza degli ambienti, servizi ed informazioni serviti a bordo, silenziosita` e comodita` della carrozza….. niente a che vedere!! Il Narita Express e` talmente “avanti” che si divide in due!! Al momento dell’acquisto del biglietto viene richiesta la fermata di discesa (ne fa piu` di una a Tokyo) ed in base a quella viene assegnato un posto a sedere. Tutti i posti del treno sono riservati. Noi italiani, una volta saliti a bordo e trovando la carrozza vuota saremmo portati per istinto a sederci dove piu` ci aggrada… e invece in questo caso rimarremo fregati! Infatti il Narita Express, arrivato alla stazione di Tokyo, si divide a mo’ di lucertolone snodabile: le prime tre carrozze vanno da una parte, le ultime tre da un’altra! Il tutto senza rumori strani o cigolii agghiaccianti, i passeggeri non se ne accorgono neanche! (… per fortuna che all’altoparlante l’hanno detto sia in giapponese che inglese, altrimenti non me ne sarei resa conto nemmeno io 😉 Il Narita Express, pensato per i giapponesi che rientrano in patria dopo un periodo di assenza, e` dotato di schermi televisivi che trasmettono a ciclo continuato le notizie degli utlimi giorni e gli eventi o manifestazioni in atto nel paese! Ma gli ingegneri che hanno progettato il Narita Express hanno pensato anche ai turisti! Infatti, come si vede dalla foto, hanno dotato i vani portavaligie di lucchetti a combinazione in modo che i bagagli possano essere lasciati incustoditi senza pericolo di furto. Perche` a rubare non sono i giapponesi, ma tuttalpiu` qualche malintenzionato di altra nazionaita`… La cosa che mi ha fatto sorridere e` che un annuncio ripetuto all’altoparlante spiegava cosa fare in caso un passeggero si fosse dimenticato la combinazione con cui aveva assicurato la propria valigia. 🙂 Non per fare i pignoli, ma il viaggio dura si e no quaranta minuti… Peccato che quest’annuncio fosse solo in giapponese quindi non ho capito fino in fondo cosa bisognasse fare in caso di lapsus fulminante! Ehehe! Ma per non sbagliarmi, io la mia valigia l’ho tenuta di fianco a me… mica che mi dimenticassi il codice!! X-)

Allora ricordate: sempre rispettare il posto assegnato su un treno giapponese! E non chiudere il bagaglio con il lucchetto! 😉

Annunci