Tag

, ,

Oggi ho fatto tardi a scuola per la sessione di counselling post-esame con l’insegnante. Con la mia conquilina chinese ieri avevamo deciso che oggi avremmo mangiato insieme una specialità preparata da lei. Sono rientrata alle 18.30 e la trovo ai fornelli che sta preparando da mangiare per me: solo per me, perchè lei aveva fame e aveva già mangiato! Che gentile! (Non stranitevi, qui è normale cenare verso le 17.30-18.00 – poi non so come fanno a non avere fame fino a prima di coricarsi.. bho! Io seguo i mei orari 🙂 Mi sono sentita superviziata: rientrata da una giornata impegnativa, con la pioggia in bicicletta una corsa fino a casa: trovare una zuppa fumante sul tavolo, apparecchiato con cura! E poi che BUONA questa roba che mangiano i cinesi!!

Ovviamente la zuppa va mangiata con le bacchette! A vedere la foto non vi ispira? Bhè, posso capire, voi che potete vedere gli spaghetti veri tutti i giorni!! Ma questo è un piatto strepitoso, straordinariamente gustoso e salutare, e ok per celis! Gli spaghettini si chiamano mi fun in cinese (leggi bi-hun) e sono fatti di farina di riso + farina di patate + farina di mais; poi ci sono le verdure e volendo la carne di tori (per non pensare ad altro, facciamo finta che sia di pollo ;D). In ultimo un po’ di ananas per pulirsi la bocca, sempre offerto dalla mia coinquilina.

Si chiama Min-min. Io prima di venire a vivere qui avevo paura di non trovarmi bene perchè c’era una cinese, e per di più in camera con me… Non che nutra particolari pregiudizi verso l’illustre civiltà dell’antica Cina, ma ogni giorno in classe mi confronto con una quindicina di loro e percepisco una distanza di maniere e abitudini incolmabile!! (che brava, non sono stata neanche offensiva…) Invece Minmin è il contrario dello stereotipo: a parte che è una persona simpatica e alla mano, contrariamente ai suoi connazionali, adora la pulizia (sia in termini di igiene personale, sia di spazi comuni), le piace il fashion e l’hip-hop e sa cosa vuol dire vestirsi bene. E’ venuta in Giappone due anni fa per frequentare una prestigiosissima scuola specialistica di fashion e design, appunto. Ogni giorno va a scuola e lavora per pagarsi la retta. Con tutti è gentile, anche con me, ad esempio quasi ogni giorno mi fa vedere quello che ha comprato da mangiare e mi chiede “Sara, per te questo va bene? Se puoi mangiarlo, prego prendine quanto ne vuoi!”. Così sto assaggiando una serie di specialità asiatiche… In casa tutte si sono sensibilizzate al mio problema e la cosa mi mette molto a mio agio.

Per ringraziarla di tutto domani le voglio regalare una tavoletta di Venchi e di Domori, perchè anche a lei come a me piace molto (e solo) il cioccolato fondente, quello vero, quello che in bocca ti lascia l’immagine delle fave e il profumo di una foresta tropicale… aaaahh… mi sa che ne andrò a comprare una tavoletta anche per me!! 🙂

PS: AGURI PAPONEEEEEEEE!!! TI ABBRACCIO TANTO E TI FACCIO GLI AUGURIIIIIIIIII!!!!!!!!!!

Annunci